Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Boscherecce
5
Ad un usignuolo.

   Bel rossignuol, che tra’ più folti rami
per queste al sol nemiche ombre frondose
tante spendendo vai rime amorose,
mentre che ’l tracio re perfido chiami:
   se viver lieto e riposato brami,
fuggi le querce ruvide e nodose,
ov’empia mano ha mille insidie ascose
al tuo libero piè di lacci e d’ami.
   Tra le piante di Giove i dolci pianti
gittar che val, se vani e malgraditi
lor non ode e non cura, o piagni o canti?
   Qua deh vienne fra’ mirti e fra le viti:
aman Venere e Bacco i versi e i canti;
né fìeno inganni a la tua pace orditi.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it