Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Marittime
44
Alla sepoltura di Iacopo Sannazaro, ch’è in Mergellina, presso Napoli.

   Ecco il monte, ecco il sasso, ecco lo speco
che ’l pescator, che già solea nel canto
girsen sì presso al gran pastor di Manto,
presso ancor ne la tomba accoglie seco.
   Or l’urna sacra adora, e spargi meco,
CRATON, fior da la man, dagli occhi pianto,
che del Tebro e de l’Arno il pregio e ’l vanto
in quest’antro risplende oscuro e cieco.
   Pon mente come (ahi, stelle avare e crude)
piagne pietoso il mar, l’aura sospira
là dove il marmo aventuroso il chiude.
   Fan nido i cigni entro la dolce lira,
e ’ntorno al cener muto, a l’ossa ignude
stuol di meste sirene ancor s’aggira.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it