Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Marittime
38
Doni d’un pescatore alla sua ninfa.

   Perché ’l sostegno a’ suoi desir non manche,
che può più, Cromi, il poverello Ofelte?
Da le viscere a Teti a forza svelte
a te sol serba le vermiglie branche.
   A te le conche rugiadose e bianche,
a te le perle preziose e scelte,
or da l’indiche arene, or da le celte,
non ha le voglie di recar mai stanche.
   Né solo i frutti e i fior d’Ischia e di Baia,
ma l’odorate lagrime di Mirra
fin d’Arabia t’adduce, e di Pancaia.
   Fa sonar del tuo nome e Pindo e Cirra,
ma tu pur se’ di sasso, ond’è che paia
per lui tornato il secolo di Pirra.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it