Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Marittime
26
A Miseno.

   In questo mar, qual fulmine che piomba,
precipitasti, o misero Miseno,
ch’osasti a par, sciolto a l’audacia il freno,
con l’araldo de l’acque enfiar la tromba.
   Ma se dal divin suon, ch’alto rimbomba,
vinto e morto cadesti a l’onde in seno,
ignudo esposto in su la riva almeno
donotti amica man pietosa tomba.
   L’infelice Filen, cui cetra diede
sì dolce il ciel, ch’a l’armonia ch’ei spiega
volontario Triton la palma cede,
   cade di doglia, e la crudel ch’ei prega,
mentre in un mar di pianto estinto il vede,
del suo marmoreo cor l’urna gli nega.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it