Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Marittime
11
Rassomiglia gli arnesi della nave a cose amorose.

   Pari al mio generoso alto desio
non alza arbore eccelsa altera nave;
né ferma in mar profondo ŕncora grave
che la mia fé pareggi e l’amor mio.
   Al laccio, ch’un crin vago al cor m’ordio,
simile attorto canape non have;
né gonfia le sue vele aura soave
sě come un fiato che spirar sent’io.
   Né fender fosco ciel vide mai stella
cauto nocchier, che de’ begli occhi ond’ardo
non sia d’assai men luminosa e bella.
   Né legno a miglior via smarrito e tardo
rivolse indica pietra, eguale a quella,
ov’Amor serba il foco e spunta il dardo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it