Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Amorose
79
Alla Gelosia, con l’altro che siegue.

   Tarlo e lima d’Amor, cura mordace
che mi rodi a tutt’ore il cor dolente,
stimolo di sospetto a l’altrui mente,
sferza de l’alme, ond’io non ho mai pace;
   vipera in vasel d’or cruda e vorace,
nel più tranquillo mar scoglio pungente,
nel più sereno ciel nembo stridente,
tòsco tra’ fior, tra’ cibi arpia rapace;
   sogno vano d’uom desto, oscuro velo
agli occhi di ragion, peste d’Averno,
che la terra aveneni e turbi il cielo,
   ov’Amor no, ma sol viv’odio eterno,
vanne a l’ombre d’abisso, ombra di gelo;
ma temo non t’aborra anco l’inferno.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it