Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Amorose
67
Ad un cagnolino ch’era in braccio alla sua donna, con due altri sonetti precedenti.

   Mentre nel grembo a trastullar ti stai
de la mia donna umilemente altero,
vezzoso animaletto e lusinghiero,
ond’invido e geloso altrui ne fai,
   ardo, e vie più nel cor, lasso, che mai
sento l’usato ardor possente e fero,
forse però che ’l mio sol vivo e vero
vibra nel can vie più cocenti i rai.
   E come l’altro suol, che ’n alto asceso
da Sirio in cielo e dal Lione accolto
i fiori uccide e l’erba infiamma e coce,
   così struggomi anch’io, da’ raggi acceso
di lei più di te fera, anzi più molto
de la fera Nemea cruda e feroce.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it