Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Amorose
56
Al pensiero.

   Folle pensier, ch’ad or ad or ten vai
da me lontano, e tacito e furtivo
da quel volto leggiadro e fuggitivo,
ove ti mena Amor, partir non sai;
   tu là pur lieto a vagheggiar ti stai
de’ begli occhi la luce ond’io son privo,
et ebro di piacer, di pianto schivo,
di rivolgerti a me non pensi mai:
   torna a l’albergo tuo dolce natio,
e teco (ond’abbia l’alma alcun riposo)
pieghi omai l’ale il rapido desio.
   O me più folle, o stato aspro e doglioso,
chi fu mai più di me misero, s’io
son del proprio pensier fatto geloso?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it