Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Amorose
19
Per la medesima signora Isabella, nella rappresentazione d’una Tragedia*.

   Tace la notte, e chiara al par del giorno
spiegando per lo ciel l’ombra serena
già per vaghezze oltre l’usato affrena
di mille lumi il bruno carro adorno.
   Caggia il gran velo omai, veggiasi intorno
dar bella donna altrui diletto e pena,
che ’n su la ricca e luminosa scena
faccia a Venere, a Palla invidia e scorno.
   Febo le Muse, Amor le Grazie ancelle
seco accompagni; e da l’oblio profondo
sorga il Sonno a mirar cose sì belle.
   A sì dolce spettacolo e giocondo
dian le spere armonia, lume le stelle,
sia spettatore il ciel, teatro il mondo.

*Nota: l’argomento si spiega per il fatto che nel Racconto delle rime questo sonetto viene dopo il 20.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it