Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovan Battista Marino [1569 - 1625]

Rime - Parte prima [1604]
Amorose
12
Alla sua donna specchiantesi.

   Qualor quell’armi, ond’io morir m’appago,
l’empia, ch’a’ danni miei spesso s’accampa,
in bel cristallo arrota, e di sua stampa
vaneggiando vagheggia il vano e ’l vago,
   tragge Amor nel mio cor, mirabil mago,
fiamme dal ghiaccio; ond’io, sì come avampa
ésca in virtù di ripercossa lampa,
sento ardor vero da mentita imago.
   Ma la crudel, che l’ha negli occhi accolto,
sol di lor degno oggetto il suo splendore
stima, e di foco altrui non le cal molto.
   Et ha, sì come ha pur per mio dolore,
più de lo specchio suo lucido il volto,
più de lo specchio suo gelido il core.

4: il vano, ’l vago > il vano e ’l vago.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it