Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Marcello Macedonio [1582 - d1620]

Da “Le nove Muse” [1614]
VIII
Niso chiama l’Aurora sollecitandola a uscire.

   Niso, a cui già la greggia
chiedea belando i rugiadosi paschi,
vedendo tutto ancor d’ebeno il cielo,
se non che già d’avorio
si facea l’orizonte,
or premea la sampogna,
onde con soavissimo lamento
fuggia musico vento,
or l’alba ch’indugiava
con tai voci invitava:
— Pastorella celeste,
sonnacchiosa ti stai fuor del tuo stile;
raccogli omai ne l’infiorato ovile
dai torti suoi viaggi
la greggia de le stelle,
lucide pecorelle,
a cui son ricca lana i folti raggi.
Tutta notte han pasciuto
per li sereni campi,
che germogliano lampi,
ed assai ruminato han per le valli
dei concavi cristalli,
in fonti di rugiada
ed in laghi di manna
sommergendo la sete,
e ne la via di latte,
quasi in fresco ruscello,
lavando a gara il fiammeggiante vello.
Deh, guarda ben di non smarirne
per la contrada bruna.
Tosto verran le vagabonde al fischio
de l’Aura, tua bifolca;
e tu l’indrizza al solito camino
col baston corallino,
e, tosandole poi, di quel tesoro
fa’ per te gonne d’oro. —
Mentre ch’ei favellava,
tra colline di rosa,
in campagna di gigli,
la ninfa oriental vide apparire;
ond’ei sospinse la sua mandra ai prati
e la fistola empì di novi fiati.




5




10




15




20




25




30




35




40


poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it