Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Casaburi Urries [? - XVII sec.]

Da “Delle sirene” [1685]
LXVII
A Santa Cristina Vergine che si alimentava nella prigione col proprio latte.

   Fatta la figlia al genitor già madre,
latti sul Tebro il genitor la figlia,
ché tu, senz’ésca aver, latti qual madre,
e te stessa di te nudri qual figlia.
   Madre non fosti e cura hai ben di figlia,
figlia non vanti e peso hai qui di madre,
onde dirti non so madre né figlia,
et al pari ti scopri e figlia e madre.
   Se suggi il latte, esser non dêi che figlia,
se versi il latte, esser non puoi che madre,
e, senz’uomo, non sei né madre né figlia.
   O vergine ammiranda, e figlia e madre!
per nudrir purità, fatta sei figlia,
per serbar castità, fatta sei madre.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it