Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Casaburi Urries [? - XVII sec.]

Da “Delle sirene” [1685]
LV
Al signor Baldassarre Pisani.

   Sudi all’eternità. De’ tuoi sudori
nel mar sommergi i secoli inclementi.
Se tu d’Atene i portici frequenti,
t’offre de’ troni suoi Palla gli onori.
   Se canti in Cipro, i faretrati Amori
pingono al tuo bel crin rose ridenti;
e se canti nell’onde, ostri lucenti
sviscera a te l’innamorata Dori.
   Se Pan tu vanti in su l’aonia sede,
lieto quel dio, ch’è di più fauni il duce,
la sua vaga siringa a te concede;
   e se vanti i trofei ch’Enio produce,
l’auree tue chiome inghirlandar si vede
con la verde sua Dafne il dio ch’è luce.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it