Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Casaburi Urries [? - XVII sec.]

Da “Delle sirene” [1685]
XXXVI
Al signor Baldassarre Pisani, in commendazione del suo giorno natalizio.

   Vagisti in culla, e col gran dio de’ vati
giubilâr le Camene a’ tuoi vagiti;
ché de’ tuoi labbri agli aliti graditi
alternò l’universo inni beati.
   Fra gli smeraldi teneri de’ prati
formâr concenti i ruscelletti arditi;
e fatti in aria i zeffiri eruditi,
svegliâr su’ vanni armoniosi i fiati.
   Gli Orfei pennuti, esercitando il volo,
temprâr più carmi; e nel ceruleo velo
cantò delle sirene il dolce stuolo.
   E su le stelle, onde più vanti ha Delo,
udì sonar l’eterna lira il polo,
sentì cantar l’eterno cigno il cielo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it