Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Casaburi Urries [? - XVII sec.]

Da “Delle sirene” [1685]
XXXIV
Lodo il signor Federico Meninni per gli studi poetici.

   Voi che di Delfo a’ ricchi altari avanti
vegghiaste i sensi a penetrar del cielo,
né giammai v’arrestò caldo né gelo,
del vero ascosto irrequieti amanti;
   ma pria d’aver delle dottrine i vanti,
quasi di Morte impallidiste al telo,
ché, scoprir non osando il suo gran velo,
giste al tempio del Sol tra l’ombre erranti;
   festeggianti colà tornate al fine,
di quel monte scegliendo i primi allori,
per coronar di tosco vate il crine:
   poiché degl’inni suoi gli estri canori
oscurando le delfiche cortine,
svelâr tutti di Febo i gran tesori.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it