Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Casaburi Urries [? - XVII sec.]

Da “Delle sirene” [1685]
X
A bella donna che non vuol farsi mirar nuda nel bagno su le rive di Posilipo.

   Se l’Alba amante in su gli eoi nascenti
del suo bel cacciator gode gli amori,
ignuda in ciel su’ mattutini albori
del sen gli mostra i palpitanti argenti;
   se, miniando alle campagne i fiori,
sente Flora d’Amor vampe cocenti,
de’ prati ameni entro i Licei ridenti
svela del seno i tremolanti avori;
   se dal bel fianco i vaghi ammanti esclude,
Teti al rettor delle contrade amare
il candor del bel seno ancor dischiude;
   deh scopri, Alcea, le tue beltà più care,
ch’additar già le lor bellezze ignude
l’Alba in ciel, Flora in terra e Teti in mare.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it