Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Casaburi Urries [? - XVII sec.]

Da “Delle sirene” [1685]
III
Invito la mia ninfa ad un giardino.

   Negli emblemi d’april cifre eloquenti
delle bellezze tue qui leggi, o Dori.
Del tuo crine ha la calta, ebbra d’odori,
miniate nel sen l’ambre lucenti;
   schiude il ligustro in su gli eoi nascenti
del tuo bel seno i palpitanti avori;
e ’l tulipo gentil, Proteo de’ fiori,
ha de’ bei labri tuoi gli ostri ridenti.
   L’iri odorosa, onde han le brume esiglio,
pinge di Flora in su l’ameno loco
l’arco saettator del tuo bel ciglio.
   E ’l ghiaccio del tuo petto e ’l mio gran foco
con la bocca di neve addita il giglio,
con tre lingue di fiamme esprime il croco.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it