Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Autori anonimi [XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
III
Bella donna, andando in carrozza, fu rivolta nel fango.

   Sovra carro gentil, peso giocondo,
la bella Fulvia in maestà sedea;
e quasi sol, da un novo cielo, ardea
col dolce riso e co’ begli occhi il mondo.
   Ma mentre ricca del pregiato pondo
la machina volubile correa,
inesperto garzon che ’l fren reggea
precipitolla in loco atro ed immondo.
   Cadde il mio sole, e nel vil fango involto
parve, mentre ivi feo breve dimora,
nel grembo de la notte il dì sepolto.
   — Ben potrà consolarsi — io dissi allora
— la luna in ciel del suo macchiato volto,
or che tutto macchiato è il sole ancora.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it