Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Paolo Bissari [1585 - 1663]

Da “Le stille d’Ippocrene” [1648]

[Baciando.]

   Bindo, che fai? Se non mi baci, io moro.
Ecco aperte le labbra, il seno ignudo:
bacia, baciami pur, sì, bacia; ah, crudo,
troppo grave è il desio, lieve il ristoro!
   Altro ci vuol che baci al mio martoro:
ahi, che mentre baciando il cor deludo,
di sdegno io son, tu di pietà sei nudo,
ché mi lasci morire e pur t’adoro.
   Baci, ma son tuoi baci e dolci e rei:
mira s’omai piagato il cor ne fu,
che di tua ferità sparge i trofei.
   Eccomi morta al fin; ma che fai tu?
Deh, che tardo soccorri ai dolor miei!
Lascia, ferma, cor mio; non voglio più.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it