Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
XXXV
Tornando al luogo ov’egli poco innanzi avea incontrato la donna sua.

   Qui vidi il mio bel sol: qui dolce il guardo,
qui cortese il saluto al cor diè vita;
Amor mi segna ’l loco, Amor l’addita
col desio frettoloso e col piè tardo.
   Felice incontro; io pur m’arresto e guardo
s’ella a me torna, e con la speme ardita
figura il mio pensier la sua partita,
e temendo e sperando agghiaccio ed ardo.
   Al fin s’avvede poi l’alma dolente,
che l’incontrar l’amata voce e ’l volto
fu dono di ventura e non d’Amore.
   E meco parla sospirando: — Ah, stolto,
tu mieti in erba il tuo desio nascente;
prima che ’ncontri il corpo, incontra il core.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it