Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
XXXI
Con l’albergo della sua donna si duole ch’ella non torni.

   Vedovo e fosco albergo, almo soggiorno
di chi suol far in te novo oriente,
e voi cieche contrade, ove sovente
fe’ già la notte al dì vergogna e scorno,
   ecco la luce che rimena il giorno,
ma non rimena il mio bel sole ardente;
ecco l’alba del ciel torna ridente,
né fa però d’Amor l’alba ritorno.
   Ma se di lunghe notti ha pur desio
sì bella aurora, e ’l dì degli occhi suoi
a l’amoroso ciel contender vuole,
   deh tornass’ella sonnacchiosa a noi,
né del suo letto a far la scorta al sole
mai si levasse; e ’l suo Titon foss’io.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it