Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
XXIX
Farà dell’altre donne la sua donna, tornando, quel che fa il sole dell’altre stelle.

   Quando spiega la notte il velo intorno,
e nel puro sereno arde ogni stella,
miran le vaghe genti or questa or quella
face immortale onde va il cielo adorno.
   Ma poi che spunta in oriente il giorno,
stella più non si mira, e Cinzia, anch’ella
già regina del ciel lucente e bella,
fugge, negletta il crin, pallida il corno.
   Così mille beltà, mille vaghezze
destan nel mondo, alor ch’invido fato
tien chiuso in Cinto il mio bel sole, o ’n Delo.
   Ma se mai torna a l’orizonte usato,
sì vedremo oscurar l’altre bellezze,
e lui solo illustrar la terra e ’l cielo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it