Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
XX
Il suo amore non poter esser vinto da forza umana.

   Può ben empia fortuna al viver mio,
d’amorosa pietate i lumi spenti,
destar d’ira e d’invidia infesti venti
nel mar che solco tempestoso e rio;
   e voi, donna crudele, il cor d’oblio
armando incontra ’l suon de’ miei lamenti,
potete ben nudrir d’aspri tormenti
la fallace speranza e ’l van desio.
   Ma che tempo o dolor franga o consumi
la fede e ’l foco, ah, non fia mai che tanto
né fortuna, né voi, né morte possa.
   Arderan nel sepolcro anco quest’ossa,
se lor fia mai che de’ be’ vostri lumi
s’appressi il foco e non le bagni il pianto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it