Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
XVIII
Crudeltà della sua donna rimproverata.

   O d’amor fredda e di virtute ardente
luce, al cui raggio apersi gli occhi e ’l seno;
ah, perché dissi raggio? anzi baleno,
troppo al ferir, troppo al fuggir repente;
   s’io vivo del sol vostro almo e lucente,
deh, perché nol girate a me sereno?
E se ’n me cresce ardor, perché vien meno
in voi pietate, ond’è ’l mio cor dolente?
   Questo mio cor, che fe’ pur vostro Amore,
quand’ei formò de le dorate chiome
e del vostro bel viso in lui l’idea,
   qual dunque incontr’a lui v’arma rigore?
Come può in odio aver celeste dea
quel tempio ove s’adora il suo bel nome?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it