Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
XI
Amoroso pallore, argomento di grande incendio.

   Se gli amorosi miei gravi tormenti
l’ardor dal viso, e non dal sen, m’han tolto,
e s’un nembo di duol pallido e folto
v’asconde i rai de le mie fiamme ardenti,
   perché stelle d’amor chiare e lucenti
mirate il freddo incenerito volto?
Mirate il cor dove l’incendio accolto
più chiare ha le faville, e più cocenti.
   Così in gelida selce anco dimora
chiusa favilla, e talor d’Etna il seno
sotto falda di neve arso fiammeggia.
   Non ha fólgori il ciel quand’è sereno,
ma se livido nembo il discolora,
gravido il sen di fiamme arde e lampeggia.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it