Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
IV
Le divine bellezze della sua donna.

   Rose e gigli il bel volto, in cui si vede
la bocca aprir di perle e di rubini
odorati tesori e pellegrini,
a cui l’Indo e ’l Sabeo s’inchina e cede;
   due stelle ove ’l sol perde, ov’Amor siede,
perch’ivi il foco e le saette affini;
angelici costumi, atti divini,
tutta beltà dal crin dorato al piede.
   Ma qual sembianza è che tra noi sì rara
cosa somigli o stil che la pareggi?
Qui d’Euterpe e di Clio non giugne il vanto.
   Ergiti Urania ai tuoi celesti seggi,
e di ritrar da quelle forme impara
la bella donna di cui vivo e canto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it