Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Madrigali
CXLVIII
Gorgia di cantatrice.

Mentre vaga angioletta
ogni anima gentil cantando alletta,
corre il mio core e pende
tutto dal suon di quel soave canto;
e non so come in tanto
musico spirto prende
fauci canore e seco forma e finge
per non usata via
garrula e maestrevole armonia.
Tempra d’arguto suon pieghevol voce
e la volve e la spinge,
con rotti accenti e con ritorti giri,
qui tarda e là veloce;
e talor mormorando
in basso e mobil suono, ed alternando
fughe e riposi e placidi respiri,
or la sospende e libra,
or la preme, or la frange, or la raffrena,
or la saetta e vibra,
or in giro la mena,
quando con modi tremuli e vaganti,
quando fermi e sonanti.
Così cantando e ricantando il core,
o miracol d’Amore,
è fatto un usignolo;
e spiega già, per non star meco, il volo.
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it