Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Madrigali
CXXIV
Il basso del Brancazio.

Quando i più gravi accenti
da le vitali sue canore tombe
con dilettoso orror Cesare scioglie,
par che ’ntorno rimbombe
l’aria e la terra. E chi n’udisse il tuono,
senza veder chi ’l move e chi l’accoglie,
diria: — Forse il gran mondo
è che mugge con arte? e dal profondo
spira musico suono? —
O crederia che l’ampio ciel cantasse,
se l’ampio ciel con melodia tonasse?
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it