Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Madrigali
XCIX
Laura perfida.

Lauro, oimè, lauro ingrato,
alcun de’ pregi tuoi non hai smarrito;
più che mai odorato,
più che mai colorito,
e pur non sei quel lauro
ch’eri già del mio core,
con la fid’ombra e col soave odore,
dolcissimo restauro.
O pianta insidiosa, in cui si vede
con fiorita bellezza arida fede.
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it