Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Madrigali
LXXVII
Lo spiritello.

Dice la mia bellissima Licori,
quando talor favello
seco d’Amor, ch’Amor è spiritello
che vaga e vola e non si può tenere,
né toccar, né vedere.
E pur se gli occhi giro,
ne’ suoi begli occhi il miro;
ma nol posso toccar, ché sol si tocca
in quella bella bocca.
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it