Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Madrigali
III
Bellezza ingrata.

Se ’n voi pose natura
bellezze, onde fra l’altre il pregio avete,
perché nemica a le sue leggi sète?
Ciò che fa il mondo adorno, erbe, fior, fronde,
e ciò che nutre e pasce,
l’aria, la terra e l’onde,
simile al seme suo fecondo nasce;
sol crudele il cor vostro,
quasi ingrato terren, produce un mostro;
ah, di voi troppo indegno,
che se ’n lui spargo amor, ne mieto sdegno.
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it