Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
CIX
Contra gli ambiziosi.

   Segua d’incerto ben fallace speme
e per pace interrotta eterna guerra
chi, fatto idol celeste un uom di terra,
vende la libertate e l’alma insieme.
   Tenti le vie più vaste e più supreme
di falso onor, che i suoi seguaci atterra,
novo Fetonte, e mentre sude ed erra,
serbi se stesso a le miserie estreme.
   Ch’io per me, pur che spiri entro ’l mio core
là sul gran fiume, ove stillò l’elettro,
Febo il suo canto e le sue gioie Amore,
   col più famoso e fortunato scettro
che da l’orto a l’occaso il mondo adore,
non cangerei questo mio rozzo plettro.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it