Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
CIV
Prega Dio che converta in lui l’amor terreno in celeste.

   Questa terrena ed infiammata cura,
Padre del ciel, che ’l ver di nebbie adombra,
volgi in foco celeste e spegni l’ombra
che ’l tuo lume divin mi leva e fura.
   Tu vedi ben com’è da vincer dura
e molle da nudrir, se l’alma ingombra
fiamma antica d’amor; deh vinci e sgombra
col tuo foco vital quest’empia arsura.
   Ché se fûr sì vivaci e sì possenti
tra le nubi d’un volto i raggi tuoi,
che fia del sol se puramente infiamma?
   Purga l’ésca mortal dei sensi ardenti,
poi fiedi il cor, santo focil, ché puoi
trar d’immonda favilla eterea fiamma.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it