Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
LXXVII
In lode del quarto Arrigo, re di Francia e di Navarra.

   Mira i danni e le colpe antiche e nuove
del suo lacero, oppresso e stanco regno
il magnanimo Arrigo, e come sdegno,
con pietà misto, a la battaglia il move;
   alza la spada vincitrice, e dove
l’armi vede rubelle e ’l giogo indegno,
ivi minaccia e di ferir fa segno;
poi sfoga il colpo e la vendetta altrove.
   Indi il fato si piega, ed ei si vede
scettro la spada far, l’elmo corona,
pace la guerra e la perfidia fede.
   Santo guerrier che non sa trar d’estinti
gloria, e trionfa sol quando perdona,
e vince alor che dà salute ai vinti.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it