Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
LXXVI
Livorno, e suo porto ampliato e munito dal serenissimo gran duca Ferrando.

   Se qui de le tirrene e tumid’onde
non vedi il flutto impetuoso e vago,
qui dove l’Istro e ’l Nilo e l’Indo e ’l Tago
manda i tesori, onde l’Etruria abonde;
   s’agli occhi tuoi su queste altere sponde
di nova monarchia s’offre l’imago,
e se vedi piantar d’altra Cartago
le mura, d’armi e di valor feconde;
   se qui d’aure vitali ed innocenti
il peregrin si nutre, e ’n pace e ’n guerra,
lieto e sicuro, in libertà v’alberga,
   opra è del gran Ferrando, a la cui verga
l’ubbidir anco è gloria agli elementi:
purga il ciel, queta l’onde, orna la terra.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it