Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Battista Guarini [1538 - 1612]

Rime [1663]
Sonetti
LXXIII
Conforta Laura nel ritorno del suo sdegnato amante dalla guerra.

   Poiché di là, dov’ira e morte alberga,
torna il vostro signor di spoglie carco,
portate il sen più di sospiri, or parco,
donna; nel volto omai pianto v’asperga.
   Un bel trofeo del vostro Lauro s’erga
fin dove il cielo è più di nube scarco,
ch’ogn’altra pianta, a sì onorato incarco,
quasi tenera fôra ed umil verga.
   Quivi altamente il vostro core avvinto
e di dorato stral ferito, penda,
nobil fra l’altre e gloriosa spoglia.
   Forse ancor fia che quel crudel si doglia
de le vostre alte piaghe, e per voi vinto
più che vittoriosa a voi si renda.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it