Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Fabio Leonida [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
7
Ricorre alla Croce.

   Chi mi darà le penne agili e ’l volo
a guisa di colomba, ond’io lontano
fugga da l’ira tua, signor sovrano,
cui tanto offesi, e mi dilegui a volo?
   Ma, lasso, in qual deserto orrido e solo,
in qual chiusa spelonca, in quale strano
alpestre monte, al guardo, a la tua mano,
che tutto vede e tutto può, m’involo?
   A te già non mi celo, o che l’Egeo
profondo in sen m’accolga o ’l basso regno,
a lo stuol de’ ribelli empio cadeo.
   Or sotto l’arbor sacro ecco ne vegno,
che ’n frutto di pietà volger poteo
de’ nostri falli il seme, e del tuo regno.

12: sacra > sacro.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it