Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Agostino Augustini [? - XVII sec.]

Da “Sonetti morali” [1669]
IV
Ad amico che porta al collo un orologio dorato che batte l’ore.

   Nostro nemico è il Tempo, e chi t’insegna
di portarlo qual gemma al collo appeso;
ne’ moti suoi l’infaticabil peso
sempre più da vicin la Morte impegna.
   Odi quel suon? voce è di lui, che sdegna
l’umicida, sì lenta al colpo inteso;
onde la sgrida perch’a vol disteso
pianti sui merli tuoi l’orrida insegna.
   Implacabil Atreo, l’armi spietate,
perché non tardin la mortal vendetta,
somministra alla rea Furie dentate.
   Se t’è cara la vita, in pezzi il getta;
non ti spiaccia atterrar forme dorate,
che l’oro in ogni tempo il cor saetta.

4: morte > Morte.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it