Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Fortini [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
VIII
Amoroso sospetto.

   Oimè, di che sospiro, e qual m’assale
fra le gioie d’Amor tema e spavento?
Ond’è ch’io ploro e nova doglia sento
per voi, dolce mia vita aspra e mortale?
   Vidi pur dianzi il vostro occhio vitale
sfavillar di pietade al mio tormento;
vidilo a me sereno; or che pavento
se più d’altro diletto a me non cale?
   So che di novo Amor vago desiro
non v’arde il core, e ’n ciò par che m’acquete,
e pur temo, e pur piango, e pur sospiro.
   Sospiro de’ sospir che non credete,
piango del pianto ond’io rider vi miro,
temo il timor che di mia fede avete.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it