Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Fortini [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
I
Amante segreto.

   A l’amico silenzio, a l’ombra folta
narro per uso i miei secreti amori,
perché de’ pianti ascosi e degli ardori
resti ogni stilla, ogni favilla accolta.
   Quindi la musa mia rozza et incolta
sol raccomando ai lor eterni orrori,
perché morta a le lodi et agli onori,
queta riposi in dolce oblio sepolta.
   Chi dolce canta e chi lodato scrive
offra sue rime a bella donna in dono,
e scopra del suo amor le fiamme vive.
   Io, che solingo amante e muto sono,
queste oscure mie note, e di suon prive,
al silenzio consacro, a l’ombre dono.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it