Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Bracciolini [1566 - 1645]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
VI
Inquietudine d’amanti.

   Pungenti piume, e d’altra guerra or campo,
che di scherzi e di baci, amaro letto;
misero, dove già del mio diletto
or da le pene mie vestigio stampo.
   Deh lasso, oimè, dove refugio o scampo
trovar più resta al travagliato petto,
se più m’ange il riposo e nel ricetto
de la quiete in più fervore avvampo?
   E voi, luci dolenti, or se le forme
tormentatrici a la più alta notte
non diparton da noi silenzio et ombra,
   s’io pur miro il mio mal mentre ogn’un dorme,
dure imagini mie, quando mai rotte
vedrovvi, e l’empia impression disgombra?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it