Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Bracciolini [1566 - 1645]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
III
Gioventù, età cara ad Amore.

   Che pensai, folle, in giovanetta mente
trovar fermezza? e sul fiorir degli anni
del senno i frutti? Ahi come, Amore, inganni
chi l’alma incauta a tuo piacer consente.
   Pargoletto ancor tu scherzi innocente,
dolci noie ministri e brevi affanni
a la tenera etade, e sol condanni
la dura e grave a consumarsi ardente.
   O sia ch’arida paglia e fronda lieve
sian frali oggetti a le tue fiamme, o sia
che, in contrasto minor, men forti hai l’armi,
   ma di me, lasso, e non di te lagnarmi
debb’io, ché in fronte a l’angeletta mia
vidi errar l’oro, a me fioccar la neve.

3: Ai > Ahi.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it