Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Paolo Abriani [1607 - 1669]

Da “Poesie” [1664]
I
[La bella tartagliante.]

   — Mio co-co-cor, mio ben, mia pu-pupilla,
s’io mi-mi-miro il tuo be-bel vi-viso,
se-se-sentomi il sen co-co-conquiso,
pe-per l’ardor, che da te-te sfavilla;
   ma tu-tu-tu non hai sci-sci-scintilla
d’amor e stai da-da-da me diviso,
e avendo in te-te-te il pa-paradiso,
di gio-gioia mi nieghi anco una stilla.
   S’ogni mia po-potenza a te si diede,
s’hai di me-me la mo-mo-monarchia,
pe-pe-perché mi nieghi egual mercede? —
   Così, d’amor ardendo in fiamma ria,
qualche segno maggior della mia fede
tartagliando chiedea la bella mia.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it