Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonino Galeani [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
14
Begli occhi fallaci.

   Oggi, ch’a me del vero sole i rai
ammantaste, toglieste, occhi bugiardi,
ecco al fin pur m’aveggio, ancorché tardi,
che più ch’al buio, al lume vostro errai.
   Su via di luce in foschi abissi errai,
ch’in voi guardando a me non volsi i guardi.
Cieli stimai que’ giri, al mio ben tardi,
giri, miei labirinti, ov’inciampai.
   Misero, ove trascorsi? Or ben discerno
ch’il lor nero, il lor foco et il lor giro
fûr centro, fiamme e tenèbre d’Averno.
   E se luce vi fu, fu perch’io stessi
(in mirando il mio mal) con più martiro,
e fuor d’inferno anco un inferno avessi.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it