Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ludovico San Martino d’Agliè [1578 - 1646]

Da “Rime varie” [1610]
1
Alla serenissima Altezza di Savoia.

   Musa guerrera, tu l’alta mente
nodrita infra i sudor d’opre onorate
movi ne’ campi de le dive armate,
l’auguste imprese ad eternar possente.
   Non quel che aperse l’alpi, o chi un torrente
fe’ umìl di sangue del superbo Eufrate
bramo, or che canti tu; non chi l’irate
vòlse barbare insegne in Occidente;
   ma quel che, nato a le vittorie, ai regni,
CARLO, d’Italia difensor invitto,
passa d’Alcide emulator i segni.
   Quel cui palme e trionfi ha il ciel prescritto,
ond’ei dispieghi de la Croce i segni
oltre i confin de l’orgoglioso Egitto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it