Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alfonso Antonini [1584 - 1657]

Da “Rime” [1615]
LVII
Donna che paragona se stessa ad un sasso.

   Paragon portentoso, ai preghi fidi
ti prometti (crudel) muta e tacente,
come quel marmo rigido ed algente,
qual forse è quel che nel bel seno annidi.
   Ne la selce, ch’additi, e che m’affidi
tale serbare al mio pregar la mente,
la vergine insensata e sconoscente
già si vide cangiar de’ ciprii lidi.
   Questa cote de l’alpi e questo scoglio
di senso sì, ma non d’esempio casso,
specchio è di terror, più che d’orgoglio.
   Dunque rispondi; e se ti giova, ahi lasso,
pur di pietra formarti al mio cordoglio,
fuggi qual sasso, e non parlar qual sasso.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it