Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alfonso Antonini [1584 - 1657]

Da “Rime” [1615]
CIV
La giostratrice.

   Sovra lève destrier bella guerriera
fere con l’asta il saracino scolto.
Gode, piagata l’insensato volto
da la candida man, la statua nera.
   Fuggono a l’aura tremula e leggera
le bende aurate e l’aureo crin disciolto:
e tra tanta beltà spira raccolto
un magnanimo ardir la faccia altera.
   Così, mentre la lancia impugna e serra,
e di nobil sudor la fronte infiora,
scherza col braccio e co’ begli occhi atterra.
   Ite felici, ambiziosi, ogni ora,
simulacri feroci, ombre di guerra:
ombre non più, poiché ’l mio sol v’onora.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it