Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alfonso Antonini [1584 - 1657]

Da “Rime” [1615]
LXV
Per Catella.

Nudo arcier di Citera,
fanciul di Pafo e d’Amatunta erede,
se la mia pena è vera,
dillo tu, fabro del mio mal, che ’l sai.
Se vera è la mia fede,
dica ’l ciel, che la vede.
Ma s’aver de’ giamai
la mia fé, la mia pena altra mercede
che ’l guardo, che mi bea,
di CATELLA mia dea.
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it