Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alfonso Antonini [1584 - 1657]

Da “Rime” [1615]
LI
Per la signora Sirena.

   Ahi, chi ti diede il nome, empia sirena,
e col nome le voglie ingiuste e felle
ch’ebber d’Amicla in su la sponda amena
l’insidiose e musiche donzelle?
   E come imiti tu per altrui pena
l’omicide bellezze e le favelle?
E quanti cor la dolce lingua svelle,
tanti lo stral de’ duo begli occhi svena.
   O nome troppo infausto a chi t’implora,
onde pèrdono l’alme il vital lume.
O beltà troppo cruda a chi t’adora.
   Tu fosti, Amor, che per fatal costume
empio ai miseri amanti, e cieco ogni ora,
desti sì fiero nome a sì bel nume.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it