Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alfonso Antonini [1584 - 1657]

Da “Rime” [1615]
XXXIII
Epitafio d’Aquilino.

   Spargi la terra e riverisci il tronco
di pioggia lagrimosa e di nitriti,
peregrino destrier di questi liti,
che miri il curvo ferro e ’l freno adonco.
   Qui, dove questo legno incido e tronco,
perch’egli meco a lagrimar t’inviti,
perch’egli i pregi e le sue glorie additi,
giace il grande Aquilin di vita tronco.
   Aquilino, il destrier senz’alcun pari,
cursor alato e nuotator leggero,
che volò le montagne e corse i mari,
   serba del volo ancor l’uso primiero;
e, benché giaccia a piè di questi altari,
vola a par con la Fama il buon destriero.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it